Elogio della trasparenza

aqua Crua

Si chiama Aqua Crua ed è stato inaugurato in marzo a Barbarano Vicentino (Vi). È il nuovo ristorante di Giuliano Baldessari, cuoco trentino per dieci anni sous chef a Le Calandre di Rubano (Pd), il 3 stelle Michelin dei fratelli Alajmo, e oggi per la prima volta impegnato in un locale tutto suo. Un ristorante che Baldessari ama definire trasparente: un ambiente moderno, fresco e intimo, con la cucina direttamente in sala, senza alcuna soluzione di continuità, senza vetri e senza barriere fra il cuoco e gli ospiti. Molto giovane anche la squadra che lo chef ha messo insieme per il progetto Aqua Crua, con Simone Poser a fargli da secondo e Gloria Dianin in sala ad accogliere gli ospiti e a gestire gli abbinamenti e la cantina.

Tutelate le intolleranze

Corto il menù, con sette portate inserite nel percorso degustazione da cui è possibile estrarre anche i piatti singoli, per una cucina fresca e spontanea. Un menù mai statico, che cambia di settimana in settimana, se non di giorno in giorno, secondo quello che offrono il mercato e le stagioni. Non manca una sezione dedicata alle intolleranze e alle abitudini alimentari alternative. Il primo menù Baldessari ha deciso di dedicarlo al suo maestro e amico, Massimiliano Alajmo. Il costo è di 60 euro per il percorso completo, senza l’abbinamento dei vini. Se invece la clientela vuole farsi accompagnare nell’esperienza dai consigli del sommelier, il menù completo con l’abbinamento dei vini viene proposto a 85 euro. Aqua Crua vanta anche una piccola carta di dessert e una degustazione di formaggi. Completano la struttura cinque camere doppie. Baldessari inizia così il suo percorso da solista, dopo i dieci anni al fianco di Alajmo alle Calandre e in precedenza con Veyrat in Francia a La Ferme de mon Père a Megeve e all’Auberge de L’Eridan a Annecy, senza dimenticare i due anni a Milano da Aimo e Nadia.

Un’unione speciale

Aqua Crua nasce dall’incontro fortuito fra Francesco Dal Toso e Giuliano Baldessari. Il primo imprenditore e agricoltore a Barbarano Vicentino, il secondo chef con un sogno nel cassetto: aprire un’attività tutta sua. Dall’incrocio delle idee e dei sogni dei due nasce l’idea di trasformare un vecchio stabile in centro a Barbarano Vicentino in qualcosa di più di un semplice ristorante di paese. Entrambi vogliono creare qualcosa di unico per il panorama cittadino, qualcosa di speciale, che metta assieme le idee e la filosofia dell’uno e l’organizzazione e l’imprenditorialità dell’altro. Un progetto durato due anni, fatto di sacrifici, idee, confronti. Ora è realtà.

 

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register