Così l’inverno diventa “caliente”

Don juan

A Milano rappresenta uno dei paradigmi della gastronomia etnica. Stiamo parlando del Don Juan, ristorante argentino di via Altaguardia. Sulla breccia da anni, ha saputo farsi apprezzare da un mercato attento ed esigente come quello meneghino. Per mantenere alta l’attenzione e non deludere le aspettative della clientela Don Juan sta affrontando l’inverno con piglio deciso, a suon di iniziative, anche extracluniarie. Eccone alcune pillole. La domenica sera, tanto per mantenere bello stretto il legame con la terra d’origine, viene proposto il classico asado (arrosto alla brace) in un’atmosfera di grande fascino ed energia: a partire dalle ore 19.00, Marina Fuhr si esibisce in suggestive performance di tango cui possono seguire seguire, per i clienti che lo desiderano, approfondimenti sul tema della danza e del folklore argentino in generale. Ma l’Argentina che racconta il Don Juan non è solo ballo e buona tavola, è anche fatta di persone e di storie. Marlene Gomes, brasiliana titolare del ristorante insieme al marito Giorgio Beretta, promuove infatti momenti d’incontro e di confronto tra professionisti del mondo dell’imprenditoria sudamericana, ma trapiantati a Milano. Li accoglie una zona esclusiva del ristorante, la sala Saltena.

 

Griglia protagonista

Sul fronte puramente culinario gli chef Marcos Amico e Claudio Colombo preparano inedite proposte culinarie che vedono la griglia protagonista assoluta. I più celebri piatti italiani come la pizza e i panzerotti con prosciutto di Parma e stracchino saranno infatti interpretati con cottura alla griglia. Inoltre,  Marcos Amico si diletta con i prodotti tipici di stagione come porcini e tartufi per creare nuove ricette, mentre Claudio Colombo serve dolci italiani affogati in vini argentini e sangria ‘trasformata’ in vin brulé per regalare insoliti, stuzzicanti incontri di gusto, una vera e propria esperienza gastronomica a cavallo tra Italia e Argentina. Novità molto apprezzata dalla clientela l’executive lunch: da lunedì a venerdì dalle 12.30 alle 14.30. Don Juan presenta un menù a base di antipasti leggeri, carne alla griglia proposta con contorno a scelta tra riso, verdure o patate e tre tipologie di dolce, in alternativa, alcune nuove proposte di pasta e riso preparate secondo l’usanza argentina. In sintonia con i ritmi del cliente milanese, il pranzo al Don Juan è stato studiato per chi ha poco tempo ma cerca una cucina di rango a prezzi contenuti: il menù viene pubblicato sul sito del ristorante così che, una volta scelte le portate, il cliente è in grado di  comunicare via mail l’ora di arrivo e trovare già pronto in tavola all’ora stabilita.

 

Sfilate di manzo

 

Al Don Juan la carne rosa di manzo argentino alla griglia domina indiscussa la scena. Da segnalare, asado de tira (costine di manzo, 18 euro), Bife de chorizo (controfiletto, 23 euro), Lomo (filetto, 24 euro), Bife di Costila (costata, 24 euro), Bife a caballo (bistecca di scamone con uovo a occhio di bue, 12 euro) e tapa de quadril (tagliata di manzo, 12 euro). Un pasto completo, dall’antipasto al dolce, vini esclusi si aggira in media intorno ai 30 euro.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register