Una formula double face

la polenteria 2

Si dice che noi italiani, popolo mediterraneo per eccellenza, siamo creativi e fantasiosi. Di certo l’intelligenza non ci manca, e questa dote fa sì che di fronte alle difficoltà una soluzione che funziona la troviamo sempre. E’ quello che è successo a Enrico Benoni, ingegnoso giovanotto proprietario a Cittiglio (VA) nel periodo estivo della gelateria Lecca Lecca e durante i freddi rigori invernali della Polenteria. Due locali distinti nella stessa località, penserete voi; quanti in fin dei conti sono titolari di due o più esercizi commerciali nella stessa città… E invece no, qui sta il trucco, perché il locale di Benoni è sempre lo stesso, ma con due anime e volti differenti, a seconda della stagione. Cerchiamo ci capirci di più, anche se l’idea, nella sua semplicità, è geniale perché ha fatto diventare quella che sembrava una soluzione “tappabuchi” (nel senso economico) un “plus”, un asso vincente.

 

Un’idea fast food

“Una volta il mestiere di gelataio – ci confida Benoni – se ben fatto ci permetteva di chiudere in inverno per goderci un meritato riposo dopo un’estate a tutta velocità. Ma la crisi non guarda in faccia a nessuno, per cui ho dovuto far funzionare bene il cervello”. Ed ecco  la soluzione, ispirata da una pubblicità di un’azienda che produceva macchine per fare la polenta e da una certa lungimiranza professionale di Benoni. Un piccolo investimento (che si sta rapidamente ripagando grazie al successo ottenuto), qualche prova e il gioco è fatto. I clienti entrano, ordinano e in pochi minuti si portano a casa un piatto fumante di polenta, sempre alla giusta temperatura grazie a un coperchio isolante che mantiene il piatto ben caldo. Tre euro per la polenta più semplice, un piccolo extra per la guarnizione. E sono soldi ben spesi. Ma il gioco vale la candela?

 

Ottimi risultati

“E’ una formula che funziona – sottolinea Benoni – e che mi dà soddisfazioni. E’ chiaro che all’inizio ho avuto qualche timore ma in poco tempo i clienti sono arrivati. All’inizio qualcuno entrava incuriosito, quasi spaesato; poi in poco tempo l’ingranaggio ha cominciato a girare velocemente. Gli avventori ci sono, la voce gira e, modestamente, penso che la mia polenta sia veramente buona, perché non mi basta essere l’unico dalle mie parti a fare questo lavoro; lo voglio fare bene, come il mio gelato. Di sicuro chi l’assaggia l’apprezza”. E alla fine di marzo, si ricomincia con i coni che, si dice in giro, siano veramente notevoli. Insomma, quello di Enrico Benoni è un comportamento da imitare? Di certo no, le copie non vengono mai così belle come l’originale, ma ispirarsi a un’idea che funziona come questa di sicuro è consigliato.

 

Ricette a km zero

Quali sono le ricette che propone il nostro “gelataio-polentaio”? Di due tipi: quelle che vanno per la maggiore e quelle ispirate alla tradizione gastronomica locale, ma tutte con ingredienti a “km zero”. Largo quindi agli abbinamenti della polenta con il gorgonzola, l’asino, i funghi porcini, il ragù di cinghiale, la selvaggina, il “bruscitt” (vera e propria icona locale, è una sorta di piccolo gustosissimo spezzatino), la mortadella del territorio fino arrivare alla più semplice, quella con il latte. E per chiudere in golosità? La polenta Monella, con il cuore di cioccolato.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register