Tipicità allo stato puro

regina trib

C’è una nuova, splendida regina sul trono delle pizzerie di Napoli. Regna indiscussa in Via dei Tribunali, il cuore della pizza partenopea. L’ha inaugurata, da un anno, Massimiliano Di Caprio, uno che di pizza se ne intende. Non a caso, La Regina dei Tribunali è l’ex Pizzeria dal Presidente del mitico Ernesto Cacialli e qui Di Caprio ha lavorato per anni assimilando tutti i segreti della tradizione napoletana. “Ho rilevato l’attività circa un anno fa – racconta Di Caprio – e ho mantenuto la tradizione del maestro Cacialli”. Insomma, è cambiato il nome – da Presidente a Regina dei Tribunali – ma la qualità del prodotto finito e la passione per realizzarlo sono rimaste invariate. Così come la tradizione: anche la Regina dei Tribunali, dove lavorano 22 persone, ospita il tradizionale banco all’ingresso per servire la pizza “a mano”, da degustare mentre si passeggia per le suggestive vie di Napoli. L’ambiente della Regina dei Tribunali è pulito e ospitale: tavolini quadrati e sedie in legno (per un totale di 180 posti) sono disposti ordinatamente su i due piani della struttura, dando l’idea della pizzeria tradizionale mentre i souvenir nel locale e sui tavoli (un pulcinella disteso a gambe accavallate) richiamano la tipoca atmosfera partenopea.

Impasto segretissimo

“Il nostro pizzaiolo vanta un’esperienza di oltre 50 anni ed è stato campione al Pizza World di Las Vegas nel 2009”, spiega con un pizzico di orgoglio “Max” Di Caprio, che ricorda anche come il figlio Hilander, 14 anni, sia già un campioncino. Ma il titolare si riferisce in particolare ad Antonio Maccarrone, 66 anni, mezzo secolo passato davanti al forno e impasto segretissimo dai risultati straordinari. Oltre a una eccellente Margherita, Maccarrone sforna una quarantina di pizze, tutte personalizzabili. “Quella che va per la maggiore – riferisce Di Caprio – e la Doc, con pomodorini del Vesuvio, olio campano e naturalmente mozzarella di bufala”. Aperto 7 giorni su 7, dalle 11 all’1, alla Regina dei Tribunali la pizza “a mano” (quella al banco) costa 1 euro, mentre per mangiare seduti con bibita e coperto si spendono circa 7 euro. La Regina dei Tribunali è stata tra le protagoniste di Napoli Pizza Village (evento di cui scriviamo in questo numero di PizzaFood) e al proposito Di Caprio sottolinea: “Abbiamo sfornato migliaia di pizze. Un ringraziamento particolare a Carmine Iovine di Euroiovine per i 100 kg di mozzarella omaggiata e ad Antimo Caputo per la sua straordinaria farina”. Che secondo Di Caprio (alla Regina usano la Rossa) è perfetta perché fatta a Napoli. Di se stesso dice: “Mi sento uno scugnizzo”. Aggiungiamo noi: con una speciale passione per la Verace pizza napoletana. Che la Regina e i suoi clienti certamente apprezzano.

 

Clienti illustri

La Regina dei Tribunali è fornitore ufficiale di pizza del sindaco De Magistris: quando il primo cittadino ordina la pizza, chiede gli venga consegnata, quale garanzia di autenticità e provenienza, direttamente dal pizzaiolo Maccarrone. Ma tra i clienti illustri della Regina non c’è solo il sindaco: qui sono venuti Paolo Villaggio, Fabrizio Fazio, “El Pocho” Lavezzi, il primogenito di Mr. Mc Donald, Vincenzo Salemme e molti altri. Per assaggiare la tradizionale Margherita, certamente, ma anche per degustare le altre specialità tonde.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register