Professione foodstylist

roberta

Cucinare, assaporare, mangiare: con le mani, con la bocca e … con  gli occhi. Perché, mai come oggi, bisogna essere, ma bisogna anche apparire. E il cibo, la cucina, non fanno eccezione, anch’essi vogliono più che mai essere ammirati e apprezzati alla vista, perché in cucina anche “l’occhio vuole la sua parte”. Per raggiungere questo obiettivo estetico, sta crescendo una nuova figura professionale: il foodstylist, colui che al piatto dà una nuova immagine, lo rende appunto appettibile allo sguardo della macchina fotografica o della telecamera. E tra i foodstylist emergenti c’è Roberta Deiana, giovane sarda residente a Milano, che per creatività, ironia, e abbinamento tra cucina e letteratura sta ottenendo consensi e successo. Spiega Roberta: “La mia definizione di foodstylist? Un truccatore del cibo, che ne esalta il colore, ne nasconde i piccoli difetti e fa emergere il lato migliore da mostrare all’obiettivo, proprio come si fa con le modelle”.

 

Cucina e passione

Laureata in lingue e letteratura straniera, spiritosa e spigliata, Roberta si è avvicinata allo styling del cibo con la naturalezza e la spontaneità di chi fa le cose con amore. “Cucinando per gli amici, mettevo sempre in primo piano l’aspetto e la presentazione dei piatti…”. Così è nata la foodstylist di cui vi raccontiamo, e che ha un’idea precisa della sua professione e del rapporto con la ristorazione. “Quando un piatto va in Tv o deve essere fotografato per un libro di ricette, deve essere elaborato nell’estetica per essere presentato nel migliore dei modi. Questa presentazione non è indispensabile al ristorante, dove è lo chef a presentare nella forma che ritiene più bella ed espressiva il piatto, e dove deve prevalere la forza del sapore rispetto a quella dell’estetica. Per questa ragione, è raro che un locale richieda la consulenza estetica qualificata di un foodstylist, anche se potrebbe essere positiva la presenza in cucina di un truccatore del cibo”. E la pizza? Con un ritocchino, magari s’invoglia il cliente… “Qualche idea la si può trovare…” Lo dice sorridendo e fa la misteriosa su come “truccherebbe” una pizza… Certo è che pensa al risultato finale. Ma con tipica sincerità sarda ammette: “Sebbene la fantasia potrebbe dare qualche ottimo risultato, la pizza deve la sua fama a caratteristiche specifiche che la contraddistinguono, che sono basilari e che non si possono cambiare”. Insomma, la pizza è bella e buona così com’è e “deve essere sempre riconoscibile”. Tuttavia un piccolo lifting…

 

La scrittrice

Non solo foodstylist e grande appassionata di cucina, Roberta Deiana è scrittrice di successo. In abito nero, simpatico cappellino anni ‘30 e raffinato chignon, ha presentato la sua ultima creazione su carta: “Invito a cena con aforisma”. Lo ha fatto nel contesto di Radio, location milanese curiosa sia nell’arredo sia nei contenuti, tanto da essere destinata con cadenza trimestrale a ospitare eventi culturali e musicali assai particolari, come un forno pubblico temporaneo, dove si può cuocere di tutto, dal pane alla pizza ad altro ancora.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register