Salute e gusto in ogni fetta

prosciutto

Benessere e alimentazione. Il Prosciutto di Parma si è sottoposto a un’indagine di aggiornamento dei valori nutrizionali condotta di concerto con la Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari (Ssica) e l’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (Inran). Le analisi hanno rivelato una combinazione bilanciata di caratteristiche organolettiche e sensoriali di estrema qualità e proprietà nutrizionali che lo rendono un alimento adatto a chiunque, bambini, anziani e sportivi. “Gli ultimi valori nutrizionali – ha commentato Paolo Tanara, presidente del Consorzio del Prosciutto di Parma – giungono a distanza di alcuni anni dall’ultima ricerca e rappresentano per noi uno strumento di verifica sull’operato e l’impegno profuso dai produttori, dal Consorzio e dagli organi di controllo e su quanto questi si traducano poi in qualità e proprietà nutrizionali nel Prosciutto di Parma. I risultati ottenuti non fanno che giustificare il gradimento che i consumatori nutrono nei confronti  del nostro prodotto che racchiude in sé l’evoluzione positiva dell’intera filiera, a partire dagli allevamenti fino al prodotto finito e all’immissione sul mercato”.

 

Adatto a ogni consumatore

I valori si riferiscono a un prodotto di media stagionatura e attestano l’estrema naturalità del Prosciutto di Parma, un prodotto che non contiene conservanti, né additivi generalmente utilizzati nella preparazione di altri alimenti a base di carne; un prodotto che unisce alla grande palatabilità e all’inconfondibile dolcezza anche un alto valore nutrizionale. Pochi grassi, molti sali minerali e vitamine e proteine facilmente digeribili, rendono il Prosciutto di Parma un alimento adatto a tutti. In particolare,  il Prosciutto di Parma si è confermato un prodotto altamente digeribile grazie al contenuto di proteine di ottima qualità e alla naturale proteolisi che avviene durante la stagionatura (la scomposizione delle proteine in molecole più piccole e in singoli aminoacidi). Anche la componente lipidica totale è di qualità, grazie all’elevato contenuto di acidi grassi insaturi (64,9%), quei grassi buoni che fanno bene alla salute, come l’acido oleico (45,8%), un grasso monoinsaturo contenuto anche nell’olio di oliva che protegge dalle patologie cardiovascolari. Mangiare Prosciutto di Parma vuol dire contribuire al raggiungimento dei livelli giornalieri di assunzione raccomandati (RDA) di vitamine del gruppo B, ma anche fornire una buona quota di preziosi minerali ad alta biodisponibilità, ossia facilmente assorbili dall’organismo, come ad esempio il ferro.

 

 Contro l’invecchiamento

 Il Prosciutto di Parma si dimostra un ottimo alimento che aiuta a combattere e inibire l’azione dei radicali liberi, principale causa di invecchiamento e malattie degenerative, e a ripristinare l’equilibrio fisiologico dell’organismo, grazie alla presenza di antiossidanti naturali come la vitamina E e il Selenio. Le analisi hanno inoltre evidenziato la presenza di carnosina e anserina: la prima si trova in buona quantità nel tessuto muscolare, per il quale regola alcuni processi metabolici di produzione dell’energia; l’altra è una sostanza naturalmente presente nei muscoli che concorre nell’azione antiossidante svolta dalla carnosina.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register