Ristorante con pastificio

rana

Si chiama “A Casa mia” e si trova a Manhattan, nel cuore di New York, precisamente al Chelsea Market nel Meatpacking District. Entri e la prima impressione è quella di trovarsi non in un ristorante come tanti, ma proprio all’interno di una casa di campagna, accogliente e confortevole. Tavoli e sedie in legno, appese alle pareti le pentole in rame e gli attrezzi della cucina di campagna di un tempo. I colori sono caldi, le luci soffuse e il cibo  di ottima qualità. Soprattutto i primi a base di pasta. Già, perché A Casa mia, ristorante e pastificio allo stesso tempo, spende una firma importante, quella di un uomo che è diventato in questi anni simbolo della buona cucina italiana, fatta in casa con le tecniche e la passione di una volta. Lui è Giovanni Rana, 75 anni splendidamente portati, chef imprenditore che insieme alla freschezza dei tortellini ci ha messo la sua faccia (persino nella pubblicità), a garanzia di un prodotto fresco, genuino, saporito. Il locale (aperto 7 giorni su 7) è nel cuore strategico della città, conta 140 posti a sedere, offre un menù con un ventaglio straordinario di piatti, tutti ispirati alla tradizione gastronomica italiana. Un piatto di pasta fresca ripiena è proposto all’equivalente di circa 15 euro. Lo scontrino medio di un pasto è di 35 euro vini esclusi.

 

Consumare e acquistare

Ma una delle particolarità di A Casa Mia è che all’interno del ristorante si può assistere direttamente al lavoro che si svolge nel laboratorio interno, dove avviene la preparazione di pasta fresca. La si può inoltre acquistare e portare a casa secondo quella nuova formula di gran successo che combina consumo e acquisto nello stesso tempo. Va però precisato che, oltre ai tortellini, alle fettuccine e alle paste corte firmate Giovanni Rana, nel locale di New York i clienti possono anche comprare alcune altre eccellenze italiane. Dal Parmigiano Reggiano all’Aceto balsamico di Modena, ai biscotti Krumiri di Casale Monferrato sino al famoso cioccolato siciliano Bonajuto. A 75 anni, ma ancora carico di energie, ottimismo e progetti, Giovanni Rana è dunque approdato a New York per conquistare l’America. Questo sbarco rappresenta per il settore del food made in Italy certamente un grande esempio. Aiuta a capire – e lo fa comprendere soprattutto ai giovani – che non esiste nessun limite di età per intraprendere una nuova avventura. Serve solo una grande dose di entusiasmo accompagnata da coraggio e intraprendenza.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register