Una Pizza per l’Estate

Carmine Caputo con i maestri pizzaioli (Foto Stefano Renna)

Appuntamento di inizio stagione, il 15 giugno, con la kermesse “Una pizza per l’Estate”, giunta alla quarta edizione e promossa da Molino Caputo. È nel corso di questa serata che alcuni tra i più bravi e fantasiosi pizzaioli campani fanno sfilare in passerella le loro creazioni estive. Location del goloso défilé l’incantevole terrazza del Gran Hotel Cocumella di Sant’Agnello, nel cuore della penisola sorrentina. In sintonia con le esigenze della stagione, i maestri pizzaioli si sono attenuti a regole di freschezza e leggerezza. Imprescindibili i prodotti di stagione, molto apprezzata la filiera corta.

I magnifici maestri

Ma chi sono i maestri pizzaioli che hanno animato la manifestazione? Ve li presentiamo: sono veri portagonisti del settore. Teresa Iorio della pizzeria “Le figlie di Iorio”, campionessa mondiale uscente e unica donna della scuderia. Vincenzo Di Fiore (“Pizzeria Bella Napoli), Vincenzo Esposito (“Pizzeria Carmnella”), Francesco Donnarumma (Grand Hotel Cocumella), Gaetano Genovesi (Pizzeria Gaetano Genovesi), Ciro Oliva (“Pizzeria Oliva da Concettina ai tre Santi”), Diodato Pironti (bistrot “Sal De Riso Costa d’Amalfi”, Pasqualino Rossi (“Pizzeria Elite”) e Guglielmo Vuolo (“Eccellenze Campane Mare e Brin”). Padrino della manifestazione, sin dalla prima edizione, è lo chef Gennaro Esposito, appassionato sostenitore della pizza come protagonista di rango della cucina mediterranea. Accanto a lui, un altro brillante ambasciatore dell’alta qualità, il maestro pasticcere Sal De Riso, che ha firmato il dessert della serata.

Le proposte

Ecco le novità che hanno ideato i pizzaioli campani selezionati per “Una Pizza per l’Estate 2016”. Proposte inedite per tutti, tranne uno, Ciro Oliva, che si è voluto ancorare al passato e alla tradizione, presentando la sua “Marinara estiva”, con letto di San Marzano, aglio dell’Ufita e origano di Don Alfonso 1890. Valerio Vuolo, figlio d’arte, ha proposto “Foce ‘e mare” con impasto all’acqua di mare, lievitato 18 ore, con mozzarella di bufala affumicata, pomodorini confit ai profumi di Cetara e peperoncini verdi di fiume. “DallAmeriCaruso”, con patate lesse condite con limone e olio, sale, prezzemolo, provola e pistacchi è la pizza estiva immaginata da Teresa Iorio. Pasqualino Rossi ha presentato “La Parmigiana conciata”: pomodorini, bufala affumicata, melanzane, olio extravergine Itrana, conciato romano e basilico. Un nome romantico per la pizza di Vincenzo Esposito: “Bacio a Furore” sulla quale spiccano gamberi e olive nere di Gaeta, con un profumo di limoni di Sorrento Igp. Vincenzo Di Fiore ha proposto “Sciummo verde”, con mozzarella affumicata di bufala campana Dop, peperoncini verdi fritti, limone di Sorrento Igp e menta. Gaetano Genovesi ha messo un po’ d’estate, con fiori di zucca ripieni di alici di Cetara e una suggestione invernale, con una manciata di struffoli salati, sulla sua “Torna a Surriento”. Diodato Pironti, il pizzaiolo che Salvatore De Riso ha voluto con sé, nel suo bistrot di prossima apertura, il “Sal De Riso Costa d’Amalfi”, ha sfornato un’aromatica “Pizza Amalfi” con fior di latte di Tramonti, prosciutto crudo di Sant’Ilario, limone costa d’Amalfi Igp e zenzero fresco. Il padrone di casa, Francesco Donnarumma, ha creato la “Pizza Monet”, cosparsa di fiori eduli, raccolti nel giardino caleidoscopico di questo hotel d’incanto della Costiera sorrentina. A chiudere l’evento la millefoglie ai frutti di bosco della nuova “World Pastry Star”, Sal De Riso. Tutte le pizze presentate al Grand Hotel Cocumella entrano a far parte dei menù estivi dei pizzaioli e sono visibili sulla pagina facebook  dell’evento “Una Pizza per l’Estate”.

Foto Stefano Renna

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register