Valtellina, terra vocata

Bresaola-della-Valtellina

“Grazie anche alle nostre produzioni tipiche, la bresaola in primis ma anche i formaggi e i vini, il nome Valtellina negli ultimi anni è stato diffuso ed è a conoscenza di milioni di persone che a loro volta vengono per turismo in provincia di Sondrio. Il nostro comparto agroalimentare di qualità rappresenta un fattore di identità e di mantenimento del territorio, è un fiore all’occhiello che dà occupazione a migliaia di uomini e donne e concorre in una buona percentuale al prodotto interno lordo e che con il riconoscimento del Distretto di Qualità ha saputo fare un passo importante riconosciuto e invidiato da molti, ma soprattutto esempio nel panorama italiano delle tipicità”. Con queste parole Patrizio del Nero, direttore del Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina, ha recentemente tratteggiato lo scenario in cui attualmente si colloca quest’area geografica dal sapore antico, incastonata tra le Alpi nella parte più settentrionale d’Italia. Qui sopravvivono eccellenze agroalimentari tramandate di generazione in generazione che deliziano i palati di tutto il mondo. I formaggi, i vini, la bresaola, le mele, i pizzoccheri e il miele sono il manifesto di una tradizione enogastronomia unica, oggi tutelata appunto dal Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina che riunisce i consorzi di tutela, le associazioni delle produzioni tipiche e le aziende. Operatori e istituzioni lavorano insieme per la valorizzazione del settore agroalimentare e promuovono un territorio e tutto ciò che ha da offrire: natura, storia, cultura. La tipicità, la genuinità e la qualità che distinguono i prodotti tipici si ritrovano nel marchio territoriale Valtellina che identifica un sistema. Entriamo nel merito con una veloce panoramica sui punti di forza dell’enogastronomia di questo territorio.

 

Formaggi

La Valtellina vanta una secolare tradizione casearia che ha conservato fino a oggi la tipicità e la genuinità dei suoi formaggi: Bitto e Valtellina Casera che si fregiano della Dop, lo Scimudin e altri formaggi lavorati secondo le tecniche di produzione storiche. Organismo di riferimento è il Consorzio di tutela dei formaggi Valtellina Casera e Bitto.

 Vini

Lungo 2.500 km di muretti a secco crescono le uve che vengono vinificate per produrre rossi di grande personalità: il Valtellina Superiore Docg, con le sottozone Maroggia, Sassella, Grumello, Inferno e Valgella, lo Sforzato Docg e il Rosso di Valtellina Doc. Numerose le aziende di rilievo. Tra queste, Conti Sertoli Salis di Tirano.

 

Bresaola

Autenticità, tradizione e il clima della zona tipica di produzione sono i principali segreti che caratterizzano la Bresaola della Valtellina, un prodotto unico e inimitabile garantito dal marchio Igp, un salume di alta qualità ricavato dai tagli migliori della coscia bovina. Da segnalare il Salumificio Mottolini di Poggiridenti.

 

Pizzoccheri

Simbolo gastronomico della Valtellina, i pizzoccheri sono le caratteristiche tagliatelle ottenute dall’impasto di farina di frumento e farina di grano saraceno, condite con patate e verze, con coste o spinaci, insaporite dal burro e dal formaggio Valtellina Casera. Pasta Moro, a Chiavenna, ne è un grande interprete.

 

Miele e Bisciola

Il miele di Valtellina profuma dei fiori che crescono nelle verdi vallate e nei pascoli di alta quota: una dolcezza che solo la natura incontaminata può garantire. Il miele di castagno della Vis di Lovero è molto apprezzato. Cosi come il  tipico dolce del territorio, la Bisciola, prodotta tecnica artigianale e ingredienti selezionati dalla Dolciaria Valtellinese di Chiuro.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register