La pizza? Una vocazione

 

Vulcanico, brillante, creativo, ma anche preciso nel modo di dosare e ottenere l’optimum dalla lievitazione per le sue fumanti creazioni.  Questo è Massimo Naclerio, 38 anni, originario di Gragnano (Na). Il destino vuole che il 1976 è anche l’anno di nascita della pizzeria Bella Napoli (La Spezia): a battezzarla sono due fratelli, il papà e lo zio di Massimo, che dopo aver fatto esperienza in vari locali di Amalfi, Capri, Vicenza, decidono di mettersi in proprio. Inutile a dirsi che fin da bambino Massimo, con gli occhi pieni di curiosità, trascorre ore intere nel locale di famiglia a osservare tutti i gesti volti a realizzare gli impasti.  Ed è proprio in quei momenti che dice a se stesso “Questo sarà il mio futuro”.

 

La crescita

Così, a 13 anni inizia a mettere le mani in pasta come aiuto pizzaiolo dello zio.  A 18 anni Max diventa pizzaiolo, e per la Bella Napoli, che è anche trattoria e affittacamere a due passi dal mare, è subito un boom impressionante.  Il suo percorso professionale continua anche al momento di indossare la divisa per il servizio militare dove gli viene affidato il compito di pizzaiolo, affiancando nelle cucine un campione di pizza acrobatica, suo commilitone.  Successivamente è a Londra, preziosa parentesi in una grande pizzeria dove si perfeziona ulteriormente. Al rientro in Italia, a 22 anni, Max entra in società nella pizzeria di famiglia, di cui nel 2006 prende in mano la gestione insieme al fratello Alfonso.  Un ulteriore salto qualitativo il suo ingresso nella Scuola Nazionale Italiana Pizzaioli, avvenuto un anno fa. Max diventa per la Snip istruttore formatore, anche di Pinsa Romana, per la provincia di La Spezia.  Come imprenditore, le sue qualità vengono premiate, sempre nel 2013, con l’elezione a presidente dei pizzaioli spezzini della Cna (Confederazione nazionale artigianato).  “Dal mio ‘matrimonio’ con la Snip – ha dichiarato  Max –  la mia carriera ha subito un notevole impulso, grazie anche ai fondamentali corsi di aggiornamento. Un percorso di formazione che sta fornendo risposte valide e innovative per valorizzare un settore che sta reagendo bene nonostante le difficoltà della crisi”. 

 

 

 

 

Guardare avanti

 

Freschezza, genuinità ed elevata qualità nell’utilizzo delle materie prime: ecco i segreti della preparazione delle pizze di Massimo Naclerio, che abbina in una formula vincente la mentalità del cuoco a quella del pizzaiolo.  La pizzeria Bella Napoli è infatti da sempre all’avanguardia: è tra le prime negli anni ‘90 a importare al Nord la mozzarella di bufala per realizzare la Pizza con bufala e pomodorini.  La famiglia Naclerio, negli stessi anni, è stata anche pioniere della pizza d’asporto con consegna a domicilio.  E oggi Massimo è un convinto promotore della Pinsa Romana, molto apprezzata anche dai turisti stranieri.   

 

 

Massimo Naclerio

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register