Lo stratega della pizza

stratega

Per fare in modo che un sogno si realizzi bisogna saper inseguire la felicità. Questo un po’ lo spirito che anima Alessandro De Dominicis, da tre anni area manager della Scuola Nazionale Italiana Pizzaioli. Un professionista che conosce l’universo pizza a menadito ed è in grado di delineare l’identikit del pizzaiolo moderno, un pizzaiolo senza frontiere, capace di far lievitare pizze e fatturati. Il successo di Alessandro, 42 anni, originario di Cariati (Cs), si è edificato lungo un’esperienza ventennale nel mondo del marketing e della comunicazione.

Hai collaborato con brand “sacri”, come Generali e  Sky, ma il connubio con la Snip è stato decisivo per arrivare all’apice della tua carriera. Perché?  

“L’incontro con la Snip è stato fatale, perché ha reso la mia passione per il lavoro ancora più entusiasmante. Il motto della Scuola è ‘Passione Amore e Fantasia’, ma io da subito mi sono sentito di aggiungere anche il termine felicità”.

Che vantaggi offre l’ingresso nel circuito Snip?

“Una pizzeria che diventa sede scuola Snip fa subito un importante scatto in avanti grazie anche alla possibilità di qualificarsi in manifestazioni a livello nazionale e internazionale. I corsi Snip sono fondamentali inoltre per apprendere le tecniche e le novità dell’arte bianca: studiando la chimica legata al cibo e le reazioni degli impasti con gli ingredienti utilizzati nelle farciture si creano prodotti innovativi e altamente digeribili, che vengono molto apprezzati dalla clientela”.

Aumentare la visibilità di una pizzeria è fondamentale per avere successo?

“Sì. Proprio per questo motivo la prima mossa che compie la Snip per lanciare un nuovo iscritto è inserirlo in tutti i suoi canali pubblicitari e informativi per fare in modo che il numero di clienti e il suo fatturato aumentino”.

Alcuni si chiedono quale sia l’utilità dei corsi professionali per uno che sa già impastare, farcire e cuocere. Quel è in merito la posizione della Snip?

“La figura del pizzaiolo non è più quella di una volta, capace solo di  sfornare buone pizze. Oggi il pizzaiolo è a stretto contatto con la gente e in molte pizzerie è vissuto dalla clientela come una vera attrazione del locale. Deve pasdroneggiare inoltre nozioni di gastronomia, conoscere la chimica dell’alimentazione, deve essere un sommelier, essere molto ferrato in gestione e marketing e molto preparato nel gestire le risorse umane. Ci vuole professionalità, conoscenza degli elementi di impasto e di guarnizione, per poter rispondere a ogni domanda che sia all’altezza di un mercato in continua evoluzione”.

Dimensione globale

La Scuola Nazionale Italiana Pizzaioli è presente su tutto il territorio nazionale con l’obiettivo di “radicarsi” ovunque, dando la possibilità a tutti i pizzaioli di accedere ai corsi senza doversi impegnare in faticosi spostamenti. “Vista la decisa richiesta che riceviamo anche dall’estero – precisa De Dominicis – negli ultimi anni abbiamo deciso di aprire sedi anche fuori dal territorio nazionale, per formare pizzaioli direttamente sul posto”. L’ultima bandierina Snip è stata piantata il mese scorso ad Alicante, in Spagna, dove è prevista l’apertura di 10 sedi.  La Snip ha al suo attivo sedi anche in Olanda, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Corea, Brasile.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register