Trasmettere una passione

birrettoni-acrobati

Ha solo 26 anni e Stefano Birettoni si può già considerare un autorevole ambasciatore della pizza. Se poi si pensa che ha abbracciato questa professione solo nel 2012 si resta, come si suol dire, proprio di stucco. È vero – conferma – quattro anni fa ero impegnato in un altro settore, ma ho sentito forte emergere in me un’esigenza nuova e inaspettata: il bisogno di realizzare qualcosa di mio e di donarlo direttamente agli altri”. Un’onda interna inarrestabile che ha portato Stefano a iscriversi a un corso di pizzeria e arte bianca presso l’Università dei Sapori di Perugia (è umbro di Città di Castello, ndr). “Una volta conquistato il diploma – spiega – mi sono dato da fare come aiuto pizzaiolo in diverse pizzerie della zona. Fino a quando sono stato chiamato a Malta, dove mi sono trattenuto a lungo”. Stefano Birettoni ha iniziato così la sua carriera di “frequent flyer” al servizio della pizza, un pizzaiolo libero professionista che ha operato in Austria, Germania e poi ancora su, su fino in Islanda, a Reykjavk, la capitale più a nord del mondo. Più ambasciatore della pizza di così! Tra una trasferta e l’altra, Stefano ha incontrato Danilo Pagano e, sotto la sua supervisione, nel 2015 ha guadagnato la qualifica di Istruttore presso la Scuola Nazionale Maestri Pizzaioli. “È stato davvero il coronamento di un sogno”, ha commentato Birettoni. Grazie al suo impegno e seguendo l’istinto, in pochi anni Stefano ha centrato l’obiettivo che si era prefissato quando ha deciso di trasformarsi in pizzaiolo, con il valore aggiunto dell’insegnamento e della formazione da trasmettere ad altri colleghi in giro per l’Europa, da Malta all’Islanda. “Quando seguo un nuovo progetto – racconta – mi preme comunicare quelli che ritengo i fondamentali per esercitare al meglio la professione: passione, determinazione, senso di responsabilità e forte motivazione”. E la pizza? Secondo Stefano Birettoni “deve essere caratterizzata da un impasto leggero e digeribile e da una farcitura a base di prodotti del territorio e di elevata qualità. Sulla genuinità non si transige”.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register