Grinta e determinazione

Ha ventisette anni, ma la sa già lunga come un professionista navigato. E’ uno chef pizzaiolo con le idee chiare in fatto di pizza e cucina. A conferma di tanta determinazione anche il fatto che è già un imprenditore. E’ alla guida, con la socia Paola Lo Maglio che segue la sala, del ristorante-pizzeria-snackeria Cavazuccherina di Jesolo. Il suo nome è Michael Sartor, veneto di San Donà di Piave. “Ho iniziato quasi per gioco quando avevo quindici anni nella pizzeria di un amico di famiglia che stava cercando un aiuto per i week end – ricorda –. Così per tirar su due lire mi sono lanciato”. Passano gli anni e Michael, a scuola chiusa, comincia a fare le stagioni sul litorale di Jesolo. Il gioco comincia a farsi sempre più serio, a trasformarsi in mestiere. La svolta, la visione nitida di una professione che sta lievitando, nel 2007, appena cinque anni fa. “Ho trovato impiego come pizzaiolo presso una ristopizzeria di Jesolo dove il titolare era anche lo chef – spiega Sartor -. Il primo che mi ha incoraggiato. Da lui ho appreso molto, ma soprattutto come ricercare e utilizzare le materie prime e l’arte di abbinare gli ingredienti”. Un momento di evoluzione gratificato da una scelta che si è rivelata vincente. “In quel periodo – sottolinea Sartor – mi è stato proposto di provare la farina Petra di Molino Quaglia che a Jesolo nessuno ancora utilizzava. Ho accettato la sfida è ho vinto: il palato della clientela ha notato il cambiamento e l’incremento delle vendite di pizza è stato notevole”. Dopo tre anni di evoluzione e affinamento professionali Michael Sartor vede materializzarsi un’ulteriore opportunità, rilevare un locale in un circolo sportivo. “Siamo partiti subito a testa bassa, con impegno e serietà – puntualizza -. Il nostro Cavazuccherina, l’antico nome di Jesolo, non è in una zona turistica. La sfida è stata quindi proporre pizze di ricerca, creative. La clientela ha risposto e si è moltiplicata. A onor del vero, devo riconoscere che in alcuni casi ho dovuto essere intransigente sulla linea gastronomica delle nostre pizze, ma spiegando e motivando le scelte in merito all’utilizzo di un determinato ingrediente sono riuscito a educare anche i palati meno abituati a questa idea di cucina”. Il locale di Sartor, aperto solo la sera, propone alla clientela un menù pizza e uno tipico da ristorante di cui è responsabile uno chef dedicato. “Mi consulto spesso con lui – sottolinea Michael Sartor – quando studio nuove ricette per le mie pizze. Punto su prodotti stagionali e sul fresco”. Cavazuccherina propone alla clientela 15 pizze classiche e 10 creative, più 2 a rotazione ogni quindici giorni. Il menù pizza del locale veneto presenta anche un’apprezzata pizza la metro ad alta idratazione. “E’ molto croccante, friabile e leggera – rivela -. Una ricetta su cui mi sono dovuto applicare con impegno e tanto studio, ma che mi sta dando enormi soddisfazioni”. Studio, impegno e tanta voglia di evolvere. Non a caso, il giovane e talentuoso Sartor si è avvicinato all’Università della Pizza, di cui, ne siamo certi, sarà un fedelissimo protagonista.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register