Anno nuovo, soluzioni light

Pizza alla romana con acciughe capperi olive nere origano
ALIPIZ019MK004

Pandoro e panettone, bottiglie di vino e spumante, cotechini e zamponi, frutta secca, pane, carne, salumi, formaggi, frutta, torrone e cioccolato. Con ogni probabilità, è questo ciò che la maggior parte degli italiani e della vostra clientela ha messo sulla propria tavola – prima – e nel proprio stomaco – dopo – nel periodo che vede protagonisti il pranzo di Natale e i cenoni della Vigilia e di Capodanno. Dopo tutte queste tentazioni dolci e salate, i piatti succulenti e gli eccessi gastronomici in compagnia di familiari e amici, è arrivato, un po’ per tutti, il momento di adottare un regime alimentare sicuramente meno calorico, con piatti che non prevedano impennate caloriche. Tenendo bene a mente queste esigenze, in pizzeria è tempo di ideare, agire, preparare e sperimentare menù accattivanti e stuzzicanti. È tempo, quindi, per pensare alla giusta strategia che consente di riconquistare la clientela che non ha saputo resistere al tour de force alimentare. Portarla nuovamente tra i tavoli della pizzeria, nonostante la pancia sia ancora piena e il potere d’acquisto diminuito a causa della congiuntura economica, è un’impresa non certo facile ma neppure impossibile. Da Nord a Sud, passando per il Centro Italia, scopriamo insieme cosa hanno ideato alcuni titolari di ristoranti e pizzerie per incrementare il business nel periodo subito successivo a quello delle feste natalizie.

Una pizza, tanti menù

Prima di mettere in atto strategie per riconquistare la clientela, è necessario avere le idee chiare sul da farsi e individuare il piatto sul quale puntare, per avere maggiori possibilità di successo. Complice la crisi, la pizza si rivela la regina delle tavole. Tutti i nostri intervistati sono d’accordo nell’affermare che si tratta di un alimento completo, non eccessivamente calorico e generalmente economico. Ma questo non basta per invogliare la clientela a varcare nuovamente la soglia della vostra attività. Bisogna inventare qualcosa, per rendere la proposta ancora più interessante. “Dopo il periodo natalizio – afferma Claudio Segoloni, titolare del Ristorante Pizzeria La Botte, di Perugia – credo sia vincente puntare sul giropizza. È economico, rappresenta un momento di aggregazione e consente di stuzzicare il palato, perché permette di assaggiare diverse varianti di questo piatto. La spesa, inoltre, è assolutamente contenuta”. Un’altra idea può essere quella di offrire alla clientela un piccolo antipasto, da gustare prima della pizza, oppure creare menù a prezzo fisso che lo prevedano. Suggerimenti senz’altro utili, che provengono dallo staff del Ristorante Pizzeria Borgo Antico, a Bari, Strada Palazzo di Città. L’antipasto – a base di carne, di pesce o di verdure – è come il biglietto da visita di un ristorante o di una pizzeria, dona il benvenuto alla clientela, la mette di buon umore e soddisfa le esigenze di ogni palato. Consente, inoltre, di far conoscere, con una piccola e gustosa anteprima, la qualità della propria offerta, oltre alle specialità della zona.

Scontrino corto

Dalle parole dei nostri intervistati, emerge sicuramente l’importanza di offrire alla clientela formule diverse tra le quali scegliere, che abbiano però come protagonista la pizza, a fronte di una spesa non troppo impegnativa. A pensarla così, è anche Valentina Congiu, proprietaria del Ristorante Pizzeria Botticella, con sede a Pavia.“Il cliente – afferma – specialmente nel periodo che segue quello delle festività, di solito ha un fisico più pesante e un portafogli più leggero. Bisogna comprenderne le esigenze e individuare menù che soddisfino le sue richieste. Noi, per esempio, abbiamo scelto un giorno alla settimana nel quale offriamo un menù con pizza, con un costo decisamente contenuto”. Un parere simile, è espresso da Antonio Falcone, titolare del Ristorante Pizzeria La Mamma, che si trova a Mantova. “Per incrementare le vendite in questo periodo è bene puntare su offerte ben studiate, curando in maniera scrupolosa i minimi dettagli. Per ravvivare la stagione, si può inoltre organizzare serate a tema, magari con menù a base di pizza. Sono occasioni molto gradite dai clienti, perché rappresentano momenti di convivialità e di svago. Le possibilità offerte dalle serate a tema sono infinite, basta lasciare libera la fantasia. Questo, chiaramente, sempre accompagnato da gentilezza, educazione, puntualità e da un bel sorriso”. Una buona pizza, infatti, se non è condita con l’accoglienza e l’ospitalità dei padroni di casa, si impoverisce.

Un piatto amico della bilancia

Chi lo ha detto che la pizza non possa rientrare tra gli alimenti normalmente definiti ‘light’? Per renderla tale, è sufficiente puntare su farciture semplici, evitando quelle troppo elaborate, grasse e ipercaloriche. La pizza si rivela anche un piatto molto versatile: alla clientela più rigorosa nel seguire un regime dietetico, infatti, è possibile proporne una preparata con una farina particolare, come quella integrale, farcita con verdure di stagione: più leggera e amica della dieta ma sempre ricca di gusto.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register