Bufale apocalittiche

MUCCA PAZZA: COLDIRETTI, PIANO UE PER RITORNO FARINE ANIMALI

Siamo dei miracolati. Se facciamo mente locale, negli ultimi anni siamo scampati a numerosi disastri, previsioni tenebrose in stile Cassandra che grazie al cielo non si sono mai realizzate nelle proporzioni in cui sono state diffuse e urlate. La contagiosa mucca pazza (2000), la polmonite atipica Sars (2003), le influenze aviaria (2005) e suina (2009) sono solo alcune stragi non solo fantasticate, ma previste e lanciate come un missile a testata nucleare multipla lungo i cieli di tutto il pianeta. Questo il filo conduttore dell’arguta inchiesta realizzata dallo scrittore e uomo di comunicazione Andrea Kerbaker. Un’indagine che ha preso le forme di un libro dal titolo che è tutto un programma: “Bufale apocalittiche. Le catastrofi annunciate (e mai avvenute) del terzo millennio” (Ponte alle Grazie, 135 pagine, 13 euro). “Negli ultimi dieci anni – scrive Kerbaker – a dar retta alle notizie che via via si affastellavano sui nostri media, avremmo dovuto morire decine di volte. Di malattia, innanzitutto: colpiti da una delle tremende epidemie arrivate per lo più da lontano”. Prendiamo spunto dall’illuminante libro-inchiesta di Kerbaker per fare una riflessione.
Il lancio di una notizia, che si rivela in seguito un falso allarme planetario, continentale o nazionale, oltre a concepire un’isteria collettiva può causare un effetto domino di danni che si arresta solo quando si spengono i riflettori. Si pensi all’irragionevole crollo dei consumi di carne bovina e di pollame a causa degli allarmi mucca pazza e aviaria. Da notare che per un certo periodo il clima di caccia alle streghe ha svuotato i ristoranti. La fiorentina con l’osso è stata bandita per sette anni, ottenendo il via libera da Bruxelles nell’aprile 2008, mese in cui ha passato il testimone dell’appestato alla bufala (in questo caso la mozzarella) alla diossina, con conseguente panico diffuso sia nei consumi interni sia soprattutto nell’esportazione. Intendiamoci, non sono fantasie; stiamo parlando di dati di fatto, di verità gonfiate senza pudore che in un arco di tempo più o meno dilatato degenerano in deliri pandemici. Più se ne parla a vanvera e più la marea avanza. Un’onda sonora perforante. Poi il silenzio, si volta pagina. E tutte le mozzarelle da blu ritornano bianche. Anche quelle che non si sono mai sognate di cambiare colore.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register