Tricolore, un format innovativo

Panino02

Francesca, Livia e Veronica, rispettivamente 35, 32 e 31 anni, tre romane legate da percorsi professionali diversi che a un certo punto si sono intrecciati in una nuova avventura nata pochi mesi fa sotto il segno della farina. Si tratta di Tricolore, laboratorio di architettura alimentare e food design (come lo definiscono loro) nel cuore di Monti, quartiere popolar-chic al centro di Roma, che spazia dai panini gourmet ai food event design (eventi privati in cui il cibo diventa anche progetto di design) passando per la consegna a domicilio e gli originali ‘kit à emporter, un cofanetto da asporto che contiene tutto l’occorrente per fare colazione o per la cena. Una strana creatura a metà strada fra un panificio, una paninoteca e una scuola di cucina. L’idea di fondo era di fare qualità nei panini, provando a inserire una buona cucina in un buon pane. Si va da un ‘semplice’ pane di segale con burro e acciughe (con farina di segale integrale biologica, lievito naturale, sale marino integrale di Mothia, burro della Normandia e acciughe di Cetara) a 5 euro, fino ai 12,50 euro del pane di sedano e carote con bollito e salsa verde, passando per l’intrigante pane di patate e polpo (8 euro) e l’hamburger di sottofiletto con strutto di cinta senese e maionese con uova di gallina livornese Paolo Parisi (13 euro).

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register