Le riflessioni dell’imprenditore

“Era il 12 luglio 1994 quando iniziai il mio primo giorno come imprenditore, animato dalla mia natura creativa e dalla grande volontà di superare gli ostacoli di ogni giorno. 20 anni sono passati da allora. Tanto tempo, e il ricordare non è mera memoria, ma richiama nel presente qualcosa che non è più, ma che torna a rivivere come un sentimento vivido”. Con queste parole, Diego Libanore, titolare e artefice della Millberg di Bergamo ricorda i 20 anni dalla fondazione dell’azienda. Un’impresa che si è imposta all’attenzione del mercato grazie alla produzione del bruciatore a gas per forni da pizzeria Spitfire New Generation.

Sistemi innovativi

“In questo periodo della mia vita – continua Libanore – si sono alternate tantissime fasi di cambiamento che mi hanno portato ad acquisire maturità ed esperienza. Sono stati infatti raggiunti risultati straordinari, realizzando impianti che funzionano da 10, 15, 20 anni. Ci è di supporto la grandissima riconoscenza dei nostri clienti di allora che ancora oggi, grazie al passaparola, continuano a consigliare chi desidera un riferimento per sviluppare nuove tecnologie e impianti su misura, piccole, grandi invenzioni che la Millberg è pronta ad animare con serietà e diligenza. La ricerca costante per espandersi in nuovi campi d’applicazione, al fine di creare prodotti particolari di nicchia, sono infatti la base di un successo che ci ha portato a realizzare sistemi innovativi che la concorrenza ci onora di imitare. Millberg, nel settore industriale e in quello alimentare di conseguenza, ha iniziato generare una serie di applicazioni che ha favorito sviluppo e progresso.  Ne è una prova tangibile, nell’universo pizza, il bruciatore Spitfire New Generation, nato nel 1998 e ora venduto e certificato in tutto il mondo. Una crescita costante, in collaborazione con grandi aziende italiane e internazionali, associazioni di categoria e stampa specializzata che ne hanno riconosciuto il merito di essere semplicemente il migliore ! Ringraziamo gli amici e i collaboratori di antica data e recenti per il loro contributo, ma ringraziamo anche chi non si è dimostrato amico: senza di loro non si potrebbe apprezzare e riconoscere chi realmente fa la differenza”.

 

 

 

 

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register