Farine premium in scena all’Expo

farine premium

Un palcoscenico di respiro globale per Agugiaro&Figna Molini e la sua linea di farine specializzate per pizzeria Le 5 Stagioni. Presso le Cupole di Love It – Real Italian Food, uno spazio straordinario a Expo Milano fra Palazzo Italia e l’Albero della Vita, a metà settembre sono stati presentati Semina, farina di grano tenero tipo 2 per pizza e prodotti da forno, e Nucleo Pizza Rustica, un prodotto innovativo per arricchire l’impasto con l’apporto di semi e fibre. Luigi Meda, amministratore delegato di Love It, società che promuove in Italia e nel mondo la cultura dell’autentica enogastronomia italiana, ha accolto con entusiasmo lo stato maggiore del molino di Curtarolo e i suoi rappresentanti nell’universo distributivo horeca per quanto riguarda Le 5 Stagioni e Le Sinfonie, il brand di riferimento per il mercato pasticceria. Dopo il saluto del presidente Giorgio Agugiaro, l’incontro è entrato subito nel vivo con l’intervento di Mirko Passuello, responsabile tecnico di Agugiaro&Figna Molini. “Per ottenere Semina – ha sottolineato – abbiamo separato i componenti del chicco scartando le parti meno pregiate. Ispirandoci ai principi della distillazione siamo riusciti a preservare il cuore del grano, trattenendo non solo l’amido e le proteine pregiate, ma anche le fibre migliori e il germe vitale”. Va segnalato che il germe vitale è una fonte ricca di vitamine e possiede un’eccellente capacità di legare l’acqua, valore che assicura impasti più solidi, lisci ed estensibili. La medesima filosofia nutrizionale ha ispirato anche la produzione di Nucleo Pizza Rustica. “Nucleo – ha puntualizzato Passuello – rende possibile la trasformazione di una tradizionale farina 00 o 0 in un mix dai valori nutrizionali e dalle caratteristiche reologiche eccellenti. Questo grazie alla concentrazione in un unico prodotto di semi di lino, miglio e sesamo, germe di grano, farinaccio, tritello di frumento e gritz di soia”. Agugiaro&Figna Molini consiglia di utilizzare Nucleo Pizza Rustica sostituendolo a circa il 10% della farina. “Va adoperato – ha tenuto a precisare Passuello – nelle lavorazioni a lunga lievitazione e soprattutto negli impasti con metodo Poolish o con Biga, dove va aggiunto nella seconda fase di impasto”. E dopo la teoria, la pratica, con apprezzate degustazioni di pizza, pasticceria mignon e panettone. Al forno maestri di elevata caratura come Giorgio Sabbatini, Campione del Mondo pizza 2012, Nicola Demo e Antonio Vitale, rispettivamente chef promoter per le linee Le 5 Stagioni e Le Sinfonie.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register