Focus sulla Pizza Napoletana

agu-noval

Per essere ancora più incisiva nel soddisfare le esigenze degli operatori professionali, Noval di Orbassano (To), azienda specializzata nella distribuzione di prodotti food e non food al mercato horeca, ha dato vita alla prima edizione Food&Tech, una vera e propria manifestazione fieristica dedicata agli addetti ai lavori. Una tre giorni andata in scena sul finire di settembre al Pala Alpitour di Torino. “Dopo gli open day organizzati dal 2012 al 2014 – ha spiegato Sara Nebiolo, responsabile commerciale e marketing dell’azienda piemontese – abbiamo deciso di proporre questa formula, ma rinforzata da una cassa di risonanza più imponente proprio per segnalare al mercato le novità e le tendenze in atto. L’universo food è in costante evoluzione e bisogna saperne cogliere soluzioni e opportunità”. Valore aggiunto per i protagonisti dell’universo horeca, che tradotto in cifre ha visto presenti a Food&Tech 62 aziende espositrici-clienti Noval in rappresentanza di almeno 5.000 referenze. Oltre 1.000 i visitatori professionali che hanno visitato gli stand e seguito i momenti di formazione organizzati da Noval in collaborazione con le aziende.

L’area espositiva

Di grande interesse quello proposto da Agugiaro&Figna Molini con la linea di farine specializzate per pizza Le 5 Stagioni. “La nostra area espositiva – ha sottolineato Stefano Pistollato, direttore commerciale Italia Le 5 Stagioni – ha presentato agli operatori tutta la gamma. Nello specifico le pizze elaborate dal tecnichal manager Nicola Demo sono state realizzate con le farine Semina e Nucleo Pizza Rustica, di cui Demo ha esposto le caratteristiche”. In dettaglio, Nucleo Pizza Rustica è un concentrato di semi in grado di trasformare una farina tradizionale in una miscela dai valori nutrizionali di pura eccellenza e dalle caratteristiche reologiche uniche. Semina è una farina di grano tenero tipo 2 dal profumo e sapore intensi, ricca di proteine, fibre pregiate e germe vitale. Ma Le 5 Stagioni a Food&Tech ha fatto di più invitando il maestro pizzaiolo Guglielmo Vuolo, titolare a Napoli di Eccellenze Campane, per tenere una “lectio magistralis” molto apprezzata dai pizzaioli convenuti. Titolo del workshop “La Pizza Napoletana e i suoi segreti”.

Il punto di pasta

Stimolato dagli interventi stuzzicanti di Nicola Demo, Vuolo ha analizzato la pizza partendo dall’impasto. Interrogato dal pubblico ha spiegato che l’ordine degli ingredienti deve prevedere acqua, lievito, farina e sale. Dal “punto di pasta”, l’equilibrio tra incordamento combinato con la giusta temperatura, che si valuta al tatto e all’olfatto, l’impasto rimane due ore nell’impastatrice, dove viene rigirato per far incamerare l’aria. Vuolo ha ricordato che le pagnotte vanno fatte riposare nel cassetto a 23-25 °C: 12 pagnotte da 260 g in un cassetto da 60×40 cm. Ha precisato che il pomodoro per eccellenza è il San Marzano, che va però assolutamente schiacciato a mano. Maniche rimboccate, ha quindi spolverato il banco pizza con una delle farine Le 5 Stagioni e ha messo in scena la tecnica di stesura. “Un seminario esplicativo e di elevato profilo”, il commento unanime dei presenti.

Rapporto diretto con la clientela

Fondata nel 1972, Noval dagli anni ’90 si è dedicata alla distribuzione di prodotti all’universo horeca, ristoranti e pizzerie in particolare. Presieduta da Italo Nebiolo, rappresenta cento aziende e conta un portafoglio di oltre 5.000 referenze tra food (escluse verdure e frutta), non food, fresco e surgelato. Operativa su un’area che comprende il Piemonte occidentale e Torino punta sul rapporto diretto con la clientela che segue con frequenti momenti di formazione e un costante servizio post vendita. Tra le 24 e le 48 ore assolve gli ordini.

 

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register