Formare e informare. Per crescere

pizza

E’ stata una terza edizione significativa per i professionisti del mondo pizza e più in generale dell’universo ristorazione. “Come Nasce una pizza 3”, evento organizzato da Prinz Beverage & Food di Campi Bisenzio (Firenze), è stata infatti la conferma che oggi, per crescere nel nostro settore, non basta più vendere ma bisogna sapere cosa si vende. Come conferma Giancarlo Corsi, presidente onorario Prinz. “Questi eventi sono fondamentali per formare e informare, fanno maturare la nostra azienda e i nostri clienti perché oggi non basta vendere ai clienti ma occorre insegnare ai clienti a vendere.”

Incalza Francesco Corsi, amministratore unico Prinz: “Riteniamo fondamentale offrire formazione e informazione, perché oggi il mercato richiede un alto grado di professionalità e perché questi sono strumenti adeguati che consentono ai punti vendita dei nostri clienti di offrire al consumatore finale qualità e servizi di livello assoluto”. Per ottenere il risultato, però, bisogna creare un collegamento tra produttori e professionisti. Come spiega Claudio Lastrucci, responsabile Food di Prinz. “Abbiamo voluto mettere in contatto diretto le aziende partner con con ristoratori e pizzaioli, per dar modo ai nostri clienti di conoscere in profondità la fonte dei prodotti che utilizzano quotidianamente”. E che sia stato un successo, lo conferma Silvia Anziano, trade marketing del distributore di Campi Bisenzio. “Abbiamo ricevuto la visita di tanti nostri clienti, segno evidente che il format funziona. D’altro canto, lo programmiamo di anno in anno cercando di proporre sempre qualche novità soprattutto sotto l’aspetto della formazione così da offrire ai clienti un’opportunità di crescita professionale”.

Ecco dunque le parole magiche: formazione e informazione. E tanta buona informazione è arrivata da Nicola Demo, technical manager Agugiaro&Figna per il brand Le 5 Stagioni, che nelle due giornate dell’evento fiorentino ha risposto, con la solita eloquenza e completezza, ai tanti quesiti posti dai molti professionisti intervenuti e, contestualmente, ha presentato Semina e Nucleo Pizza Rustica, due nuove “chicche” del molino padovano. “Si tratta di prodotti che rappresentano in modo perfetto la nostra cultura e la nostra filosofia aziendale e sono una risposta ai clienti che chiedono alla pizza di avere una marcia in più. Li abbiamo realizzati dopo un percorso di studio e ricerca durato circa un anno ma che stanno dando risultati che premiano le nostre aspettative”.

Anche per le altre aziende presenti, la due giorni fiorentina è stata assolutamente positiva. “Momento di confronto importante perché specifico per i professionisti con la possibilità, pertanto, di affrontare tutte le tematiche legate al mondo pizza, dalla farina fino alla cottura”, spiega Viola Valoriani, responsabile estero di Forni Valoriani, azienda di Reggello (Firenze) presente all’evento con il forno Verace (attrezzato con bruciatore a gas Spitfire di Millberg), il Baby Valoriani (gioiello di dimensioni più piccole ma con eguale tecnologia e materiali di costruzione dei “fratelli” più grandi) e un terzo forno tradizionale a legna. Puntualizza Fernando Daverio, direttore vendite Italia di pasta Rummo, che nell’occasione ha presentato la nuova pasta senza glutine trafilata al bronzo: “Evento molto utile per informare e che dovrebbe essere intensificato perché fondamentale per diffondere la cultura del cibo e dell’alimentazione”.

Conferma altresì Giuseppe Coppola, responsabile commerciale Coppola Enterprice, azienda di Casalnuovo (Napoli) specializzata in conserve e presente con il marchio Valgrì. “Una manifestazione davvero indovinata, perché fa conoscere l’azienda e i suoi brand e crea un confronto diretto tra il produttore e il professionista”. Conclude la carrellata di positive conferme Daniele Peluso, responsabile per il centro Italia di Italchimica, azienda di Padova specializzata nella sanificazione e presente per la prima volta a “Come Nasce una Pizza 3” con il marchio Domina Professional, linea dedicata alla sanificazione professionale. “Incontro fondamentale per la sinergia avviata con Prinz e anche se siamo degli esordienti, possiamo confermare che questo evento è stato un ottimo banco di prova con feedback positivo”. Per concludere una “chicca” preziosa (nel senso stretto del termine). Alcune pizze preparate da Nicola Demo, coadiuvato dalla collaborazione di Massimiliano Crocetti, sono state impreziosite e farcite con oro. Avete capito bene: oro, più precisamente una polvere d’oro aromatizzato prodotto da un’azienda antichissima (del 1400!) di Campi Bisenzio che dopo aver realizzato foglie d’oro per la pasticceria e oro in polvere per uso alimentare ha creato anche questo particolare prodotto. “Pizza con l’oro? Abbinamento quasi perfetto, con il metallo più prezioso e con quanto di meglio può offrirci la terra – ha spiegato Nicola Demo – come il tartufo, una mozzarella di vaccino fresca, del prosciutto crudo toscano e, tocco finale, appunto la polvere d’oro che fa brillare ulteriormente quello che già brilla di suo per qualità”. Come le informazioni che si sono portati a casa pizzaioli e ristoratori che hanno avuto la fortuna di partecipare a “Come Nasce una pizza 3”.

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Don't have account. Register

Lost Password

Register